Tipi e tipologie di fototerapia

Terapia della luce ultravioletta La luce solare, comprese le radiazioni UV, è essenziale per il nostro corpo. Stimola la produzione di vitamina D Riduce l’infiammazione Migliora il benessere La terapia UV, se applicata correttamente, è come prendere il sole in vacanza o in montagna. Può essere particolarmente utile eczema psoriasi per trattare il prurito Durante i trattamenti è obbligatorio indossare occhiali protettivi e i trattamenti cosmetici sono diversi dai trattamenti medici. L’uso improprio del trattamento UV può causare danni significativi alla pelle e altri problemi! Terapia della luce UVA Questa terapia della luce raggiunge anche gli strati più profondi della pelle e aumenta la produzione di pigmento cutaneo,  provocando quindi un’abbronzatura. Questa terapia della luce viene utilizzata principalmente nei cosmetici. Deve essere maneggiato con la dovuta attenzione, vale a dire bisogna prestare attenzione nella manipolazione intensità (potenza e distanza della sorgente luminosa) e per la sua durata Terapia della luce UVB Le radiazioni UVB penetrano solo nell’epidermide, hanno una lunghezza d’onda più corta e vengono utilizzate per alleviare il prurito cutaneo . Poiché è più forte e ha una lunghezza d’onda più corta della radiazione UVA, è necessario prestare maggiore attenzione all’intensità e alla durata dell’irradiazione, per non provocare lesioni o ustioni. Terapia della luce a infrarossi La terapia a infrarossi è un metodo che utilizza la luce per trattare il dolore acuto o cronico. È una terapia semplice e indolore utilizzata in vari campi della medicina. Cos’è la terapia a infrarossi? La luce infrarossa è il calore che le persone percepiscono quando esposte alla luce solare. La terapia con luce infrarossa è una delle tante terapie innovative sperimentate per trattare il dolore acuto o cronico. La terapia utilizza specifiche lunghezze d’onda della luce dirette alle aree danneggiate del corpo. A differenza della luce ultravioletta, che ha un effetto dannoso sui tessuti e sulle cellule del corpo, la luce infrarossa aiuta nella rigenerazione cellulare o nell’autoriparazione, migliora la circolazione del sangue ricco di ossigeno nel corpo, favorisce una guarigione più rapida dei tessuti profondi, allevia il dolore. Una delle caratteristiche della luce infrarossa è che penetra sotto gli strati della pelle, fornendo una profondità molto maggiore in grado di alleviare efficacemente il dolore. Infatti, questo metodo invasivo, naturale e indolore offre una vasta gamma di benefici per la salute senza danneggiare la pelle dai raggi UV.  Come funziona la terapia a infrarossi? La luce infrarossa penetra da 2 a 7 centimetri in profondità negli strati interni della pelle, raggiungendo muscoli, nervi e persino ossa . Diversi studi hanno dimostrato che le frequenze della luce infrarossa con lunghezze d’onda comprese tra 700 e 1000 nanometri sono le migliori per curare le condizioni infiammatorie. Terapia a infrarossi per migliorare la guarigione delle ferite, per ridurre il dolore causato dall’artrite, per aumentare i livelli di endorfine per la bioattivazione dei neuromodulatori sono usati. La tecnologia della terapia a infrarossi consente alle persone di godere dei benefici del sole senza essere esposti alle dannose radiazioni ultraviolette. Inoltre, la terapia a infrarossi è sicura ed efficace senza effetti collaterali dannosi. In effetti, la luce infrarossa è sicura e viene utilizzata anche sui bambini nell’unità di terapia intensiva neonatale. La luce infrarossa viene assorbita dai fotorecettori nelle cellule. Dopo l’assorbimento, l’energia luminosa avvia una serie di eventi metabolici che avviano molti processi naturali nel corpo a livello cellulare. La chiave dell’efficacia della terapia con luce infrarossa potrebbe essere l’ossido nitrico, un gas vitale per la salute delle arterie del corpo. L’ossido nitrico è una potente molecola di segnalazione cellulare che aiuta a rilassare le arterie, combatte i radicali liberi per ridurre lo stress ossidativo, impedisce alle piastrine di unirsi nei vasi sanguigni e regola la pressione sanguigna. Pertanto, questa molecola aumenta la circolazione sanguigna per fornire nutrienti vitali e ossigeno ai tessuti feriti e danneggiati del corpo. L’aumento del flusso sanguigno verso diverse parti del corpo consente all’ossigeno e ai nutrienti di raggiungere le cellule, consentendo loro di funzionare correttamente ed efficientemente. Pertanto, questa terapia stimola la rigenerazione e la riparazione dei tessuti danneggiati, riduce il dolore e l’infiammazione. La terapia della luce a infrarossi viene utilizzata per trattare una varietà di condizioni mediche, tra cui: mal di schiena, artrite, bursitista, trauma contusivo, sforzo muscolare, sindrome del tunnel carpale, dolore al collo, mal di schiena, neuropatia diabetica, artrite reumatoide, t dolore all’articolazione emporomandibolare (ATM), tendinite, cura delle ferite, trattamento della sciatica e trattamento delle incisioni chirurgiche. Presente e futuro della terapia a infrarossi La terapia con luce infrarossa è un modo sicuro ed efficace per ridurre il dolore e curare molti disturbi. Sembra essere un metodo sicuro, efficace e privo di farmaci per alleviare il dolore a lungo termine. Aiuta anche a guarire le parti del corpo danneggiate. Il trattamento delle lesioni ha molti benefici, come la riduzione del dolore, la riduzione dell’infiammazione e il ripristino della funzionalità della parte del corpo interessata. Altre condizioni che possono essere trattate con la terapia a infrarossi includono: dolori articolari artrite, dolore muscolare lesioni spinali, i dolori ai nervi e infortuni sportivi. Fonte: news-medical.net Utilizzo della luce laser dura Essendo una tecnologia che offre un elevato livello di flessibilità, sostenibilità, produttività e precisione, il laser è stato ampiamente utilizzato e ha avuto successo in molti settori, tra cui quello manifatturiero, quello chimico, automobilistico e, forse il più famoso, quello sanitario e medico. La tecnologia laser è meno invasiva della chirurgia tradizionale. È più veloce, più efficiente e, soprattutto, riduce il disagio postoperatorio e il rischio di infezione. Di conseguenza, sempre più chirurghi utilizzano la tecnologia per molte procedure. Alcuni di questi includono: Chirurgia plastica Linee e rughe, lesioni precancerose e procedure di rassodamento della pelle per trattare l’acne e le cicatrici, ad esempio, possono spesso essere trattate con un laser ablativo aggressivo, come un laser a CO2. Il laser CO2 viene utilizzato anche per rimuovere verruche ed fibromi cutanei e per tagliare la pelle nella chirurgia laser. Chirurgia oculare refrattiva Queste procedure utilizzano spesso uno speciale laser ad eccimeri (a volte chiamato laser ad eccimeri), una forma di laser UV che emette un raggio freddo per rimodellare delicatamente la cornea e trattare problemi visivi comuni come miopia, ipermetropia e astigmatismo. Procedure dentistiche Carie, malattie gengivali, rimozione di lesioni, sbiancamento dei denti:

Tipi e tipologie di fototerapia Leggi tutto »